Aldo Dice 26×1- il comune di Milano provvederà al ricollocamento in strutture temporanee

Dopo lo sgombero a Sesto San Giovanni del residence sociale ‘Aldo dice 26×1′ il Comune di Milano ha individuato spazi abitativi temporanei per circa 40 nuclei famigliari con minori a carico e con evidenti situazioni di criticita’, come persone disabili o con gravi patologie. È l’assessore alla Casa del Comune, Gabriele Rabaiotti, a dichiararlo in conferenza stampa, parlando dell’esito dell’incontro di ieri con una delegazione del collettivo. “Si tratta di soluzioni temporanee – ha detto – come alberghi convenzionati, residenze sociali e locazioni concordate transitorie di massimo 18 mesi. Le 40 famiglie hanno fatto tutte domanda di casa popolare in deroga, che verranno verificate dalla commissione e se avranno i requisiti entreranno in una casa. Non perche’ occupanti ma perche’ prima erano famiglie senza casa soggette a sfratto . Nel frattempo una parte di attivisti e sfrattati ha occupato un altro stabile a Milano.

Francesco Russo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...