Donna uccisa in casa a Sesto San Giovanni in Via Sicilia

Donna 49enne sestese ieri martedì, nel tardo pomeriggio rinvenuta morta nell’appartamento di via Sicilia 60 al primo piano. A rinvenire il corpo senza vita tornando dal lavoro il marito 54enne. Dalle dichiarazioni dell’uomo la porta d’ingresso non era chiusa e la blindata non è apribile esternamente senza chiavi. I Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni stanno cercando di rintracciare il giovane figlio 20enne per interrogarlo, il quale dalle indagini risulta vivere con i genitori. Durante le perquisizioni nell’ appartamento gli inquirenti hanno ritrovato il cellulare del giovane.

Carabinieri e soccorritori del 118 sono arrivati nell’ appartamento intorno alle 19,00; e la donna era già morta sembra da alcune ore. Disposta l’autopsia, si attende l’esito che dovrebbe tenersi in tempi brevi. Emerge in prima istanza come a procurare la morte della 49enne sarebbe stato un fendente alla gola. Erano presenti altre ferite sul corpo, ma non ritenute la causa del decesso. Sembra che la donna non presenti ferite da difesa il che significa che potrebbe essere stata colta di sorpresa dall’ aggressore.
Carabinieri, coordinati dalla Procura di Monza, hanno lavorato a 360 gradi per giungere ad una conclusione senza scartare alcuna ipotesi anche se la più attendibile rimaneva l’omicidio.

A essere interpelati nelle scorse ore i vicini di casa, dei quali sembra nessuno abbia avvertito rumori o urla che potessero far pensare alla tragedia consumatasi nell’ appartamento, inoltre non sono riusciti a fornire il possibile orario dell’uscita di casa del 20enne sembra nulla facente. Sentito anche il marito della donna che ha ritrovato la moglie senza vita. Nelle ore in cui sarebbe avvenuta l’aggressione, l’uomo era sul luogo di lavoro in Milano.

I Carabinieri, inoltre, non sarebbero mai intervenuti in passato in via Sicilia per eventuali episodi di violenza domestica.

Fermato il figlio della donna uccisa

Svolta nelle indagini per l’omicidio , a Sesto San Giovanni. Oggi verso le 15.00 fermato a Cinisello B. in via Avogadroil figlio 20enne della donna da due gazzelle dei Carabinieri (del Nucleo Radiomobile della Compagnia e della Stazione locale) che lo hanno rintracciato Corrado Badagliacca. il giovane alla vista dei militari ha tentato la fuga e ha opposto resistenza, ma è stato prontamente bloccato. Il PM titolare dell’indagine, Alessandro Pepè, nei confronti del 20enne ha predisposto il fermo, prontamente eseguito dagli stessi Carabinieri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...