Il turismo meneghino come volano per il rilancio del commercio sestese

64801729_363991374318014_9177049530372194304_n.jpgChe Milano si sia attestata tra le capitali europee è un dato di fatto, complice expo e la capacità imprenditoriale che ha sempre contraddistinto la città meneghina dal resto d’Italia. Da ormai qualche anno, si assiste ad un crescendo di un turismo di massa mai visto prima ed il trend e’ in costante crescita. Che tipo di turismo arriva a Milano? È un turismo differente rispetto al passato, quindi non più legato al solo shopping di via Montenapoleone o via Della Spiga, il turista attuale, viene a Milano per mangiare e fare shopping occupando tutti i segmenti del mercato, da quello di nicchia a quello popolare, indifferentemente. Zone che erano, fino a qualche anno fa, considerate fuori dal centro, sono ora appetibili ed i turisti escono sempre più dal centro per spendere un po meno. Questo miracolo economico però fatica a propagarsi nell’area metropolitana, eccetto in quei piccoli centri dove esistono da tempo degli shopping district dedicati proprio al turista. Sesto San Giovanni a mio avviso, ha del potenziale per attingere ad una parte di di questo miracolo economico.  Abbiamo infatti una metropolitana rossa che consentirebbe al turista di venire a fare acquisti a Sesto comodamente a 15 minuti dal duomo. Perché un turista dovrebbe venire a Sesto a fare shopping? Il turista si sposta su informazioni reperite da internet e brochure. La nostra idea come Faro di Sesto, sarebbe quella di realizzare un “SESTO SHOPPING DISTRICT” a cielo aperto, partendo da via Cesare da Sesto e via Dante con installazioni e segnaletiche adesive sui marciapiedi che accompagnano il turista nella via dello shopping. In ogni negozio la disponibilità al “tax free” che consentirebbe al turista di farsi rimborsare l’iva degli acquisti. La campagna di marketing iniziale potrebbe prevedere la produzione di brochure da lasciare negli hotels sparsi per Milano. A mio avviso i frutti di una iniziativa del genere non sono immediati ma nel giro di qualche mese potrebbe attirare gente in città ed incentivare così il commerciante ad aumentare l’offerta merceologica ed intraprendere quelle opere di valorizzazione del distretto interessato. I prossimi mesi saranno dedicati allo studio di fattibilità del progetto ma siamo fiduciosi perché il commercio a Sesto deve ripartire ed il turismo potrebbe essere il volano.

F.R.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...