La Prefettura dà ragione al Comune di Sesto: “non ci fu razzismo ma applicazione della legge”

Sesto_San_Giovanni_-_Municipio.jpg

Nessun caso di razzismo, il Comune di Sesto si è limitato ad applicare la legge. E’ la motivazione della Prefettura con la quale ha rigettato il ricorso di una famiglia di stranieri che lo scorso gennaio è stata cancellata dai registri anagrafici dopo aver occupato abusivamente uno stabile. L’edificio era in stato pericolante e la famiglia con bambini, vi abitava in condizioni igenico-sanitarie precarie. Per questo, Il Comune, attraverso la Polizia Locale, dopo un controllo, aveva verificato le precarie condizioni dello stabile dichiarandolo pericolante. Il Comune aveva poi disposto la cancellazione d’ufficio dai registri anagrafici della famiglia residente in via Marconi 163.

A giugno la famiglia di immigrati ha presentato ricorso. Ricorso poi successivamente rigettato dalla Prefettura. “Un’altra dimostrazione della correttezza e della trasparenza con cui lavoriamo – commenta Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni –. Senza nessuna forzatura, ma nel pieno rispetto della legge: chi rispetta le regole non ha nulla da temere. Appena venuti a conoscenza di questa situazione di degrado, con di mezzo anche dei minori, siamo prontamente intervenuti e ora la Prefettura ci ha dato ragione”.
Francesco Russo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...